Il Franciacorta di Joska Biondelli

Situata nel bresciano la Franciacorta è considerata oggi una delle migliori zone in cui si producono spumanti a metodo classico e spesso è paragonata alla Champagne da chi sente il bisogno improcrastinabile di fare confronti.

La sfida di Joska Biondelli, finanziere della City di Londra, ma membro di una famiglia che da tre generazioni vive in Franciacorta, è stata quella di dedicarsi alla viticoltura proprio qui, per produrre vini spumanti rilanciando l’immagine dell’azienda familiare che iniziò la propria attività nel 1945.

Il punto di forza è il rapporto qualità prezzo che si attesta sui 20 euro a bottiglia, offrendo un prodotto buono e lavorato con cura. Una produzione esigua di 20.000 bottiglie, uve coltivate biologicamente e residui di solforosa aggiunti veramente minimi fanno si che tale etichetta si collochi tra quelle attente alla natura e al consumatore. Il tutto contornato dalla loro splendida cantina, un’ antica tenuta che venne acquistata il secolo scorso, oggi riadattata a centro di produzione e accoglienza, ricca delle più innovative tecnologie.

Il Biondelli Brut Franciacorta è prodotto interamente da uve Chardonnay provenienti da due vigneti Nave e Paini, situati nella località di Bornato di Cazzago San Martino. Otto ettari di terreno morenico con esposizione a sud e collocati a 250 metri sul livello del mare, vedono le viti allevate a Guyot con una densità d’impianto pari 4500 piante e raccolte generalmente la prima metà di agosto.

Il vino fermenta in vasche di acciaio e il tiraggio viene effettuato nella primavera successiva alla vendemmia, dove la presa di spuma dura per almeno 24 mesi.

Il colore è dorato e brillante, la spuma è delicata. L’olfatto sfodera fiori gialli seguiti da note più aspre di agrumi che variano di volta in volta che s’infila il naso nel bicchiere per condurre lentamente a note mandorlate e di finocchio. In bocca la freschezza viene ogni tanto spazzata via da lievi sensazioni minerali, il ritorno agrumato aumenta la salivazione lasciando una nota di liquirizia sul finire.

Il Biondelli Satèn Franciacorta invece viene prodotto da Chardonnay proveniente interamente dal vitigno Nave. 

Il colore è sempre dorato, ma la delicatezza e un gusto semplice rendono il calice veramente godibile. I fiori sono più delicati, la camomilla è seguita da note di pasticceria che lasciano a spazio a miele alternato a mineralità. Anche il palato risulta più morbido, la spuma accarezza la lingua, il lime è supportato da note di semi di finocchio cui seguono lievi sprazzi di pietra focaia. Anche se delicato, questo Satèn dura nel tempo, sfoderando ritorni incredibili di aromi e di freschezza.

Schermata 2015-10-28 alle 10.35.41


 

Cantine Biondelli
Via Basso Castello, 2
Bornato di Cazzago San Martino
25046 – Brescia
Telefono: 030-7759896
E-Mail: info@cantinebiondelli.com

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: