Aglianico Naima 2010 – De Conciliis

Il nome di questo vino proviene dal brano Jazz di John Coltrane “Naima”  di cui Bruno de Conciliis è grande appassionato.

Un Aglianico senza dubbio differente dagli altri della regione Campania; qui nel Cilento il terreno non è vulcanico, ma prevalentemente composto da suoli di argilla, rocce calcaree e galestro. I vigneti datati danno grappoli concentrati in aromi e antociani. La resa per ettaro è veramente bassa e anche le bottiglie prodotte non superano le 3000.

Il tutto contornato da una piccola percentuale – circa il 2% – di altri vitigni quali Piedirosso e Sciascinoso lasciati dalla famiglia così come quando li ritrovarono mescolati tra i vigneti di aglianico.

Descrizione

Il colore è rosso granato con riflessi aranciati, abbastanza intenso. Al naso risulta fruttato con lievi sentori minerali, ma ne prevale la frutta rossa con visciole in confettura, in seconda battuta fanno capolino lievi note di liquirizia. Un vino caldo con una buona componente tannica che lascia poco spazio alla freschezza finale. Da bere oggi, con i suoi 15 anni, aspettando troppo si rischierebbe di perderlo. Prezzo 30€ circa.

Oggi non ve lo consiglio con formaggi o carne, ma credo che degustarne un calice ascoltando il brano Naima di Coltrane possa essere un buon omaggio tanto all’artista quanto al produttore.

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: