Colle alle Macchie 2005: Quando il Sagrantino invecchia bene.

Schermata 2014-04-08 alle 20.14.06

E’ solo un piccolo post. Ho avuto l’opportunità di comprare delle bottiglie della vendemmia 2005 del “Colle alle Macchie” di Tabarrini. Un vino con 9 anni e qualche mese, uno dei miei Sagrantino di Montefalco preferito che però avevo sempre degustato con annate “recenti”.

Viene prodotto da vigneti esposti a Sud in una delle principali tenute dell’azienda. Viti esposte al sole e alimentate da un terreno limoso argilloso che conferisce buona sapidità e capacità di invecchiamento. Non viene commercializzato prima di sei anni dalla vendemmia dopo che viene lasciato per oltre 36 mesi in botti grandi di rovere francese per continuare poi in bottiglia per altri 36 mesi.

La degustazione

Il colore è impeccabile, rosso rubino che non cede nulla al granato se non una lieve unghia, nonostante l’età. Impenetrabile, compatto e denso; lievi i depositi.

Al naso inizia leggermente chiuso, l’odore di humus, foglie bagnate ha un predominante non indifferente. Pochi minuti dopo il paesaggio olfattivo si fa più ampio ed ecco che escono fuori i fiori (rose e viole appassite), frutta (more, mirtillo e cassis in confettura) e via a tutte quelle note terziarie ormai presenti come substrato olfattivo costante. In una terza fase nuovamente sentori di cuoio, humus, terra bagnata e foglie di tabacco.

In bocca il tannino si mostra in tutta la sua forza, come il Sagrantino vuole, ma lievemente piegato dalle curve del tempo, che lo rendono più tenue e delicato. La persistenza è buona, così come l’intensità. A mio parere da bere ora, non so se con qualche anno in più possa mantenere il suo tipico carattere. Un buon inizio di 2015.


English

It’s just a little post . I had the opportunity to taste the 2005 vintage of ” Colle alle Macchie ” produced by Tabarrini . A 9 years old wine , one of my fav Sagrantino, which I tasted only on early vintages . It is produced from vineyards facing south in one of the main company’s estate. Screws exposed to the sun and powered by a silty clay soil that gives good flavor and aging potential . It is sold six years after the harvest after that is left for more than 36 months in French oak barrels and then continue in the bottle for another 36 months.

Description

The color is impeccable , ruby red, it doesn’t give anything to garnet but a slight nail, despite his age . Impenetrable , compact and dense ; minor deposits . The nose starts slightly closed , aromas of humus , wet leaves has a considerable initial predominant . Few minutes after the olfactory “landscape” becomes wider and here come out flowers ( roses and violets wilted ) , fruits ( blackberry, blueberry and cassis jam ) and again all those tertiary notes. In a third step again hints of leather , humus , wet earth and tobacco leaves . On the palate  tannin sets off in all its force , as the Sagrantino wants , but slightly bent by the curves of the time , making it more soft and delicate . Persistence is good , as well as the intensity . To drink now. A good start for my 2015 .

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: