Enografia Wine News

#Vodka

Scritto da Claudio Bonifazi

Chi di noi non conosce la Vodka? Dal colore trasparente e da sapori poco intensi la usiamo per i principali cocktail nelle serate danzanti, ma come viene prodotta?

La Vodka è ottenuta distillando prodotti che contengano elevate concentrazioni di amido o zucchero ad esempio grano, patate o melassa. Lo spirito viene distillato fino ad un volume alcolico del 96% per essere poi diluito con acqua per portare il volume complessivo tra il 35-50%

Storia

L’origine della vodka è notoriamente contesa tra la Russia e la Polonia. Entrambi i paesi possono citarne i riferimenti  già nel 15 ° secolo ed entrambi hanno la stessa origine etimologica: ‘Vodka’ e ‘Wódka’ sono il diminutivo di ‘voda’ e ‘woda’ che significano ‘acqua’.
Probabilmente tale sostanza nasce con scopi medico-disinfettanti e veniva utilizzata per cospargerla sul corpo. Con il tempo cominciò a diventare una bevanda i cui livelli di produzione si diffusero così ampiamente che in Polonia il Re Jan Olbrecht autorizzò i cittadini a produrla in casa per poi tassarli a fine anno.

Entrò nel mercato europeo e americano relativamente tardi, nonostante in Russia fosse molto diffusa, grazie al lavoro di Martin di Heublein che – acquisendo i diritti della Smirnoff negli anni 30 – con duro lavoro di marketing  riuscì a farla conoscere al mondo intero. Incentrò le campagne pubblicitarie sul fatto che la Vodka potesse essere mischiata con altri alcolici, succhi di frutta per dare origine a dei fantastici cocktail. Il successo si manifestò di lì a breve in tutto il mondo.

Produzione

La Vodka può giuridicamente essere prodotta da qualsiasi materia di origine agricola. Le principali materie prime sono grano, segale, patate, mais, orzo e melassa. I fattori che influiscono sulla scelta sono piuttosto semplici: rapporto qualità/prezzo e disponibilità locale dei prodotti. Cambiando la materia d’origine della distillazione si possono avere Vodka dai differenti aromi, anche se l’elevata componente alcolica a cui vengono spinte in fase di distillazione tende ad azzerarne gli odori.

Segale
Tende a produrre vodka con un naso simile al pane di segale con una speziatura dolce e gradevole al palato.

Grano
E’ il cereale più popolare per la vodka essendo usato come materia prima in Russia. Sapore pulito e una rifinitura di semi di anice con un palato oleoso.

Patata
Si potrebbe cadere nell’errore di ritenere la patata un elemento di scarsa qualità; al contrario la Vodka prodotta da patate è molto più costosa di ogni altra: le patate utilizzate per la produzione di vodka hanno un livello più alto di fecola di patate  e la resa di produzione è bassa. Ne servono molte per arrivare a produrre una bottiglia.  Tendono a dare un sapore cremoso e consistente con un palato corposo. Sono generalmente una specialità della Polonia.

Mais
E’ utilizzato solo nella Vodka occidentale ed è associato a sapori di burro e granturco dolce.

Orzo
L’orzo è il meno comune dei grani utilizzati nella vodka, ed è molto comune in  Finlandia. Regala un gusto morbido, leggermente dolce.

Melassa
La melassa produce bottiglie economiche anche se queste dipendono dal costo di grano. Una vodka a base di melassa deve essere indicata in etichetta (in realtà, qualsiasi vodka non fatta da cereali o patate deve dichiarare la sua materia prima).

Altre materie prime
Uva o quinoa.

La Vodka può essere suddivisa in due categorie generali: vodka chiara e vodka aromatizzata.

La vodka chiara viene di solito suddivisa in “occidentale” e “orientale”  dove la prima dovrebbe essere priva di aromi e la seconda avere più sentori.

La Vodka aromatizzata invece vede l’uso di varie essenze, alcune tradizionali, altre meno. Alcuni vecchi stili di vodka possono essere invecchiati per un periodo di tempo.

Come bere vodka

In Europa orientale e in Scandinavia è tradizione bere vodka liscia, in un bicchierino, di solito fredda. In questi paesi si serve come accompagnamento per il caviale e pesce affumicato. In Occidente viene utilizzata principalmente come un mixer incredibilmente versatile, si presta a una vasta gamma di cocktail e bevande miscelata con una varietà di succhi di frutta e altri alcolici.

I Cocktail più famosi sono il Black Russian, Black Irish, Bloody Mary, Blue Lagoon, Bull Shot, Cops Reviver.

vodka

Sull'autore

Claudio Bonifazi

Amo bere e scrivere e per questo ho creato Vinopolis, per condividere tutto quello che bevo con gli altri. Dopo il Diploma da Sommelier sto continuando gli studi presso la WSET, dove ho ottenuto la certificazione avanzata; ad oggi sto frequentando il loro ultimo livello: il Diploma. Non pago scrivo anche su Vinoway e Bibenda7.

Lascia un commento

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi