Resto del Mondo Wine News

Vini di Francia: il Rodano

Scritto da Claudio Bonifazi

Continua il nostro viaggio enografico attraverso il mondo dei vini francesi. Oggi è il giorno del Rodano. La zona prende nome dall’omonimo fiume, che con il suo percorso crea una delle zone vitivinicole più importanti del mondo. Sorge nelle Alpi per sfociare nel Mediterraneo ad Arles.

Il territorio viene diviso in due aree: Rodano del Nord e Rodano del sud, con punto d’intersezione la città di Valence. Due zone di fatto differenti sia per clima che per tipologia di vitigni.

Mappa del Rodano.

Mappa del Rodano.

Il Rodano del Nord

A livelli di quantità produce solo il 5% dell’intera regione, ma la parte nord immette sul mercato i vini più costosi e di qualità. La vallata è stretta e ripida, le vigne sono piantate in prossimità del fiume e tanto più sono esposte verso sud tanto è migliore il frutto che ne consegue. Clima continentale con estati non eccessivamente calde.

Il Syrah è l’uva che comanda in questa zona, l’unica varietà a bacca nera permessa e, come per il Cabernet nel Bordeaux, qui si trova al punto limite in cui possa maturare e crescere. I suoi vini sono profondamente colorati, con buona dose tannica e bouquet di frutta nera, fiori scuri e pepe. Si può addizionare il Viognier (a bacca bianca) il quale aggiunge ulteriore intensità aromatica e struttura. Quando si impiega la macerazione carbonica lo si fa per produrre vini di pronta beva e di prezzo medio-basso.

Côte Rôtie

La denominazione si concentra attorno la città di Ampuis con vigne che si spingono a nord. Gli impianti sono collocati su piccoli terrazzamenti protetti dal vento. Il Syrah è il vitigno cardine ma può essere addizionato di Viognier per un massimo del 20% per produrre una tipologia di gusto più affine a quella del nuovo mondo anche se la percentuale più diffusa si attesta intorno al 2-5%.

Condrieu

E se di Viognier dobbiamo parlare non possiamo trascurare la denominazione Condrieu prodotta in purezza. Un vino bianco dall’aroma  duraturo ma fragile e di buona dose alcolica. La piccola quantità prodotta fa salire di gran lunga i prezzi portandoli spesso a livelli molto elevati.

Hermitage

Per tutto il 900 questa zona ha prodotto i vini rossi di classe raggiungendo prezzi elevatissimi. Un’unica distesa di vigneti su un versante esposto a sud. Questi sono suddivisi in lieux dits (appezzamenti nominati) che variano per ripidezza e aspetto. Solitamente i grandi Hermitage sono prodotti da uve provenienti da diversi lieux dits, anche se ultimamente vi sono produttori che cercano di produrre vini che provengano tutti dallo stesso singolo appezzamento.

Gli Hermitage di qualità possono invecchiare fino a 50 anni anche grazie al loro corpo e struttura. E’ previsto che si aggiungano il Marsanne e il Roussanne ma è una pratica in disuso. Il Marsanne viene invece usato in purezza per produrre bianchi da invecchiamento con sentori di nocciola e  miele.

Altro discorso invece è il Crozes-Hermitage il quale è noto per le quantità di vino prodotte. Vino che può avere qualità e prezzi altrettanto variabili. Per questo motivo, nonostante vi siano grandi produttori, questa denominazione non ha una fama di qualità e i prezzi di conseguenza rimangono su un costo medio.

Il Rodano del Sud

Continuando il viaggio lungo il fiume la parte del Rodano del Sud si intende quella parte di letto compresa tra Montelimàr e Avignogne. Qui un terreno variegato offre una vasta produzione di vini incentrata particolarmente si Grenache, Syrah, Mourvèdre, Clairette, Grenache Blanc, Cinsault.

La Denominazione più diffusa è Côtes du Rhône AC che permette produzione di rossi, bianchi e rosati. I vini rossi sono di media struttura, fruttati e semplici. Esiste poi la denominazione Côtes du Rhône Villages AC per indicare una maggiore qualità. Sono 18 sottozone che possono fregiarsi in etichetta del termine cru. I vini sono più strutturati e possono presentare sentori speziati.

Châteauneuf-du-Pape AC è situata sulla sponda est del fiume. E’ la prima denominazione ad aver ricevuto lo stato di Appellation Contrôlée.

I vini di successo il più delle volte sono a base di Grenache, mentre altri prevedono un largo uso di Mourvedre che aggiunge sapore selvatico al vino. Ricchi, di corpo e struttura piena i vini migliori possono avere un ventaglio aromatico ampio che va dallo speziato al fruttato con buona componente alcolica.

Tavel AC and Lirac Ac producono rosati a base di Cinsault e Grenache.

Infine vi sono 4 paesi che hanno lo status di Cru. Situati  a Nord-est di Châteauneuf-du-Pape AC sono Gigondas, Vacqueyras, Beaumes de Venise Vinsobres. Producono vini simili alla confinante denominazione, che finisce sempre per oscurare i loro lavori.

Hermitage è la denominazione che produce vini a base di Syrah in grado di invecchiare fino a 50 anni.

Hermitage è la denominazione che produce vini a base di Syrah in grado di invecchiare fino a 50 anni.

 

 

Sull'autore

Claudio Bonifazi

Amo bere e scrivere e per questo ho creato Vinopolis, per condividere tutto quello che bevo con gli altri. Dopo il Diploma da Sommelier sto continuando gli studi presso la WSET, dove ho ottenuto la certificazione avanzata; ad oggi sto frequentando il loro ultimo livello: il Diploma. Non pago scrivo anche su Vinoway e Bibenda7.

Lascia un commento

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi