Regione Lazio Regione Umbria Vini Bianchi Vini DOC Wine News

Orvieto Classico Melini: classe 1981 (e chi se lo aspettava?)

Questa bottiglia trovata per caso in cantina – dimenticata da anni – e’ stata aperta per gioco con degli amici, convinti che il vino fosse andato a male, non più bevibile… E invece una sorpresa…

Il tappo di sughero, estratto con un cavatappi a molla, e’ rimasto integro sebbene dimostri tutti i suoi 33 anni; la temperatura di servizio di circa 10-12 °C, come previsto per i vini bianchi strutturati.

Versato nel bicchiere ecco la prima sorpresa:

Ci siamo trovati difronte un vino limpido, che rifletteva la luce con una vivezza che quasi – presa dall’entusiasmo – avrei definito cristallino, colore giallo ambrato…alla vista  alcuni lo hanno paragonato ad un passito o moscato.
Al naso  e’ emerso un vino intenso e complesso  con odori di frutta secca, albicocca, pesca, mandorla, note eteree ( smaltate, vernice) e spezie dolci.
L’analisi gustativa non ha dimostrato una corrispondenza con l’olfattiva rivelando un vino secco, abbastanza alcolico, moderatamente morbido, più fresco che sapido.

Buona l’intensità’ e la persistenza con retrogusto quasi marsalato.

In questo caso esprime la tipicità del vino regolamentato dalla DOC interregionale Orvieto (secco con retrogusto amarognolo).

Malini 1981

E’ impossibile reperire le informazioni di questa annata così vecchia e inaspettata, ma ad oggi per chi volesse ulteriori informazioni, l’Orvieto Classico Melini prevede:

Uve : 50 % trebbiano toscano ( Procanico ) ; 10 % verdello ; 10 % malvasia toscana ; 10 % Drupeggio ; 20 % Grechetto .
Vigneto : vigne selezionate sulle colline ( media 300 metri di altitudine ) della zona DOC classica , la più antica uno , intorno alla città di Orvieto , in provincia di Terni ; le viti sono allevate a cordone speronato e Guyot, terreno argilloso , ben esposti , con una resa di 100 quintali di uva per ettaro .
Vinificazione : le uve vengono raccolte ai primi di ottobre , nel giusto stato di maturazione ; dopo un dolce pressatura ed una decantazione naturale a freddo , il mosto fermenta a temperatura controllata ( 15-17 ° C ) con l’aggiunta di lieviti indigeni selezionati ; il nuovo vino rimane in vasche di acciaio inox fino a quando viene imbottigliato.

Schermata 2015-03-12 alle 17.39.14


La sede principale della Cantina Melini si trova nel Chianti e produce principalmente in Toscana. Fa parte del Gruppo Italiano Vini.

www.cantinemelini.it

Sull'autore

Claudia Lagomarsino

Lascia un commento

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi