Aziende Regione Lazio

Il buon Frascati (e non solo) di Casale Marchese

Scritto da Claudio Bonifazi

Esitono realtà laziali che ormai producono prodotti di comprovata qualità. Casale Marchese è una di queste con il suo Frascati DOCG e Clemens. Vini bianchi di grande spessore.

Schermata 2015-01-07 alle 17.33.04

Su via di Vermicino n°68, ai piedi di Frascati, dietro ad un cancello grande si accede ad una strada sterrata, circondata da ulivi e vigne, che in salita conduce verso il casale dell’azienda. Un piccolo spaccato di campagna che si estranea dalla città sottostante. Non lontano c’è la famosa vela di Calatrava, la Tuscolana e la Casilina. Eppure qui si riesce a “staccare” da Roma e si entra in un posto tranquillo in grado di offrire grandi prodotti.

Il Casale e tutta l’azienda appartengono alla famiglia Carletti che da generazioni è dedita alla produzione di vino. Azienda che sta puntando a prodotti di qualità riconvertendo i sistemi di allevamento e facendo leva proprio sul Frascati Superiore DOCG, che occupa il 90% delle superfici vitate. Non mancano ovviamente vitigni internazionali quali Chardonnay, o da taglio bordolese. In ogni caso ciò che accomuna il tutto è la grande godibilità finale.

Ad accogliermi c’è Claudia Hausen che mi ha guidato lungo la storia di questo casale costruito nel lontano 500 dal Marchese Emilio de Cavalieri (compositore). Scelse questo posto che all’epoca si affacciava sull’antica via Labicana, della quale si vedono ancora le tracce. Nel 1800 la tenuta passò in mano all’attuale famiglia.

Durante il mio piccolo itinerario storico si è aggiunto l’enologo Paolo Peira, che ha preso le redini per condurmi  in vigna e poi nella cantina, spiegandomi i passi importanti che sono stati fatti negli ultimi 15 anni, con investimenti tanto su attrezzature e macchinari oltre che sui vigneti. Lavoro che mira a ridurre la resa per pianta a massimo 2/3 kg in modo da essere certi di offrire un prodotto di qualità. (dopo la galleria segue la descrizione dei vini).

Schermata 2015-01-07 alle 18.21.26Frascati Superiore DOCG 2013, Casale Marchese

Uve: Malvasia del Lazio, Trebbiano Toscano, Bonvino, Bellone
Vigneti: viti allevate a cordone speronato, su un suolo di origine vulcanica. Densità ceppi/ha 4.000. La resa media di uva per ceppo è di 2 kg.
Vinificazione: Raccolta manuale in cassette forate da 15kg. Pressatura soffice e selezione delle differenti frazioni di mosto. Illimpidimento statico e separazione dei fondi. Aggiunta di lieviti selezionati. Fermentazione alcolica termocontrollata (una settimana circa). Stabilizzazione tartarica a freddo nel mese di dicembre. Imbottigliamento su più lotti a partire da gennaio, fino a giugno. Commercializzazione dopo un mese dal primo imbottigliamento.

Ciò che colpisce immediatamente di questo Frascati è la componente aromatica, intensa e complessa che risulta essere tropicale/burrosa, erbacea e “aromatica” rispetto ad altri Frascati. Un naso piacevole che sin da subito crea aspettative sul palato, che vengono confermate da buona persistenza e sapidità. Il colore, che in questa descrizione abbiamo lasciato per ultimo è giallo paglierino/oro. Vino molto buono.

Clemens, IGT Lazio Bianco, 2012Schermata 2015-01-07 alle 18.22.25

E’ il vino per cui i produttori vanno orgogliosi, misto di autoctonia e internazionalità, essendo un blend di Chardonnay e Malvasia del Lazio.

Uve: Malvasia del Lazio, Chardonnay

Vigneti: Vigneti di proprietà dell’Az. Agr. Casale Marchese, le viti sono allevate a cordone speronato, su un suolo di origine vulcanica. Densità ceppi/ha 4.000. La resa media di uva per ceppo è di 2 kg.

Vinificazione: Raccolta manuale in cassette forate da 15kg. Pressatura soffice e selezione delle differenti frazioni di mosto. Illimpidimento statico e separazione dei fondi. Aggiunta di lieviti selezionati. Fermentazione alcolica termocontrollata (una settimana circa). Affinamento su fecce fini per quattro mesi. Stabilizzazione tartarica a freddo nel mese di aprile. Imbottigliamento nel mese di maggio. Commercializzazione nel mese di novembre.

Il clemens concentra tutta la sua aromaticità su note di frutta tropicale ananas e melone. Buona l’intensità olfattiva, che si concentra sul fruttato. In bocca si ha l’immediata conferma di quanto il naso ha già anticipato. Ben equilibrato, gradevole, convince sin dal primo sorso, dove non sembra mostrare grossi disequilibri nonostante la sapidità dettata dal terreno. Vino molto buono.

Schermata 2015-01-07 alle 18.23.17Rosso Eminenza 2012

Uve: Merlot, Cabernet Sauvignon, Cesanese, Montepulciano
Vigneti: Vigneti di proprietà dell’Az. Agr. Casale Marchese, le viti sono allevate a cordone speronato, su un suolo di origine vulcanica. Densità ceppi/ha 4.000. La resa media di uva per ceppo è di 2 kg.
Vinificazione: Raccolta manuale. Diraspa-pigiatura e aggiunta di lieviti selezionati. Fermentazione alcolica termocontrollata (24-26 °C). Pressatura soffice e selezione delle differenti frazioni di vino. Fermentazione malolattica in acciaio inox. Stabilizzazione tartarica a freddo nel mese di febbraio. Assemblaggio ed imbottigliamento nei mesi di febbraio – marzo.

Frutta rossa come ciliegia e prugna sono le predominanti olfattive. In bocca buon equilibrio lo rendono gradevole e di pronta beva. Tutto sommato avvolgente, morbido con tannino evidente ed equilibrato. Vino buono.

Consiglio a chiunque abbia la possibilità di andare a visitare questa realtà vinicola importante dell’hinterland romano, approfittando della grande accoglienza di tutti, compresa quella di Alessandro Carletti, ricordandovi di prendere appuntamento e di telefonare per avere ulteriori informazioni sulle modalità di svolgimento della visita.

 


Azienda Agricola Casale Marchese

Indirizzo: Via di Vermicino, 68 – 00044
Frascati (Roma) – Italia
Telefono e fax: (+39) 06 9408932
E-mail: info@casalemarchese.it

Sull'autore

Claudio Bonifazi

Amo bere e scrivere e per questo ho creato Vinopolis, per condividere tutto quello che bevo con gli altri. Dopo il Diploma da Sommelier sto continuando gli studi presso la WSET, dove ho ottenuto la certificazione avanzata; ad oggi sto frequentando il loro ultimo livello: il Diploma. Non pago scrivo anche su Vinoway e Bibenda7.

Lascia un commento

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi